famigliapuntozero.com – Tutte le informazioni sulla nascita della cultura dell'informazione

Evoluzione della notizia

L’avvento dei mass media

Nel XX secolo, dopo il libro stampato e i giornali, i mezzi di comunicazione di massa come cinema, radio e televisione iniziano a godere di un pubblico sempre più numeroso. All’inizio del Novecento si inizia ad analizzare e a studiare il potere dei media, capaci di influenzare le masse, in modo da costruire modelli di comportamento sociale e indirizzare le persone a seguire indicazioni negli ambiti più diversi, dalla politica agli acquisti.

La psicologia comportamentale analizza un aspetto della comunicazione mediatica ed elabora la Bullet Theory, ovvero una teoria che si riferisce alla comunicazione come a un bullet</i>, ovvero un proiettile, che, come un ago, penetra sotto la pelle del ricevente, producendo effetti passivi immediati senza bisogno di alcun altro intervento.

La nascita della pubblicità

Con la definizione di una nuova tipologia di comunicazione, soprattutto attraverso canali come la radio e la televisione, si rafforza il rapporto tra pubblicità di prodotti e consumatori. Alla base della vendita, del commercio e quindi del profitto, c’è la creazione di un bisogno, usando informazioni opportunamente manipolate. Nasce quindi una nuova cultura basata sulla logica di commercio, attraverso l’implementazione dei mezzi di comunicazione di massa, che condizioneranno le generazioni a venire.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *